Tu chiamale se vuoi emozioni…

Oggi vi parlerò di musica. Vi farò la Top Ten dei miei artisti preferiti. Per ora mi fermo alla musica italiana. I miei Mostri sacri. Intoccabili. Di ognuno di loro vi consiglio tre canzoni (solo tre! Vi assicuro che non è una scelta facile…):

  1. Francesco Guccini: Eskimo – Cirano – Farewell.
  2. Fabrizio De André: Bocca di rosa – Rimini – La guerra di Piero.
  3. Lucio Battisti: Nessun dolore – E penso a te – La collina dei ciliegi.
  4. Vasco Rossi: Sally – Siamo solo noi – Vivere.
  5. Lucio Dalla: Cara – Futura – La sera dei miracoli.
  6. Francesco De Gregori: Generale – Sempre e per Sempre – Compagni di viaggio.
  7. Mina: Città vuota – Se telefonando – Amor mio.
  8. Ligabue: Hai un momento, Dio? – Ho messo via – Certe notti.
  9. Jovanotti: Le tasche piene di sassi – A te – L’ombelico del mondo.
  10. Roberto Vecchioni: Luci a San Siro – Mi manchi – Dentro gli occhi.

Ma a me la musica piace di tutti i generi quindi non posso non citare altri artisti – cantautori o no cambia poco – che ascolto spesso e con piacere: Ivano Fossati, Paolo Conte, Mia Martini, Gino Paoli, Rino Gaetano, Claudio Baglioni, Ivan Graziani, Riccardo Cocciante, Ron, Renato Zero, Umberto Tozzi, Franco Battiato, Elisa, Malika Ayane, Antonello Venditti, Marco Mengoni, Pino Daniele, Pierangelo Bertoli, Adriano Celentano, Stadio, Umberto Tozzi, Fiorella Mannoia… (li ho indicati in maniera casuale e non in ordine di preferenza).

Poi c’è una categoria di cantanti che con una sola canzone  hanno fatto il botto, non riuscendo più a fare altri lavori all’altezza. Ad esempio: Edoardo De Crescenzo con Ancora, Marco Ferradini con Teorema

E ancora esistono canzoni che ti catturano, che non saranno capolavori ma ti rimangono appiccicate; come la canzone che vi parlerò in questo articolo, di Tiziano Ferro.

Ascoltata per caso. In macchina. Faceva parte di una delle tante compilation, in MP3, preparate da mia moglie Luisa. A lei piace molto Tiziano Ferro e anche a me non dispiace, perché non si può ascoltare solo Guccini, che tra l’altro ha fatto uscire il suo ultimo album – L’ultima Thule – nel 2012. Ultimo nel senso vero e proprio, e cioè che non ne usciranno altri. Quindi volenti o nolenti – se non si è così ottusi da pensare che la vita non ti possa più sorprendere – la ricerca del piacere, del bello, deve andare avanti. È il sale della vita.
E allora non vedo l’ora di essere sorpreso, di provare nuove emozioni. Come nel caso di questa semplice canzone di Tiziano Ferro, che ancora non nominerò.
Mi è piaciuta dal primo ascolto, e l’ho riascoltata saltuariamente per un paio d’anni. Sempre in macchina. Non mi ha mai stancato. Poi sono venute altre compilation ed è passata in secondo piano. Ogni tanto ricercavo il CD in cui mia moglie l’aveva registrata. Lo rimettevo e riascoltavo la canzone provando sempre lo stesso piacere. Poi quel CD è andato perso. E quella canzone non l’ho più ascoltata. Ma non l’ho mai dimenticata. Al punto che quando nel giugno scorso ho comprato la macchina nuova ed è tornata in voga la compilation, mi è ritornata in mente. Ho usato l’articolo la e non l’articolo una volontariamente. Perché la Skoda Octavia (eh già… è lei l’ammiraglia della famiglia) ha nel cruscotto una scheda aggiuntiva nella quale ho messo musica. Non so dirvi quante canzoni ci possono stare, dovrei guardare in macchina, tirare fuori il libretto delle istruzioni e mettermi a cercare, a leggere. Quanti giga di memoria ci stanno? Sempre che sia segnato… Non so voi ma io difficilmente, quando compro la macchina, lo leggo. Il libretto intendo. Magari ci provo poi mi stanco. È che vorrebbe più sintetico. Magari lo riapro quando serve. In casi estremi, urgenti… se si accende una spia, ad esempio; ma spero sempre non ce ne sia bisogno. Non so dirvi quindi quante canzoni ci stiano. Mia moglie dice più di mille. A me bastano. Sta di fatto che prima ancora che arrivasse la macchina ho cominciato a segnarmi le canzoni della mia vita. Ed è lì, in quel momento, che è riapparsa prepotente anche lei: quella canzoncina di Tiziano Ferro. Tenete presente che non ricordavo il titolo. Probabilmente non l’avevo mai saputo.
Mi mancava ed è stato più che sufficiente per incominciare la ricerca. Mi piaceva la melodia, il suono, le rime. Pur essendo una canzone triste mi metteva allegria. Una malinconica allegria, se capite cosa intendo.
Mi faceva venire in mente canzoni di un’altra epoca. La mia? Può darsi. Ma non voglio che crediate che non ascolto le canzoni di oggi giorno. Perché non è così. Di Tiziano Ferro, ad esempio, me ne piacciono tante altre, anche più di questa.
Tuttavia è questa di cui vi parlo. È questa che mi ha Toccato.
Mi faceva, mi fa venire in mente Domenico Modugno. Una certa atmosfera. Modugno che per me è stato un grande. Ma è chiaro che è di un’altra generazione. O anche di un paio, di generazioni.
Mi ricordavo alcune parole. Il ritornello… mare, mare, mare… Ma non ne ero sicuro perché Tiziano, nella canzone, gioca con le parole, con le rime; almeno così mi pareva: Ma mi perseguitano queste tre parole, Ti voglio amareMare, mare, mare… o era male, male, male?
Così ho letto tutti i titoli delle canzoni di Tiziano. Ma nulla da fare. Poi sono andato per esclusione. Ho tolto i titoli che conoscevo e sono andato a leggere i testi delle restanti, tante, canzoni. È arrivato il turno di TVM e Bingo!

Mare, mare, mare

Qualcuno da lassù saprà ascoltare

Mare, mare, mare

Ti spiego una parola, due non lo so fare

La nostra fine non fu niente di speciale

Rispetto al fatto che poi tutto sa passare

Ma mi perseguitano queste tre parole

Ti Voglio Male

 

TVM, che sta per Ti voglio male. Testi e musica di Tiziano Ferro, dall’album L’amore è una cosa semplice del 2011.

Non credo che sia molto conosciuta. Ve la consiglio e penso che sia sottovalutata… ma io sono di parte perché – penso che l’abbiate capito – questa canzone mi ha colpito e affondato. E non chiedetemi la ragione…

 

Voto: 4/5

 Qui la potete ascoltare.

Un’ultima cosa: torniamo alla mia Top Ten.
Tutti voi che leggete questo articolo avrete una vostra Top Ten. Al punto che, se vi prestate al gioco e la segnate nei commenti, non si troverebbero neanche due persone che l’hanno uguale. È matematico… Si potrebbero scoprire anche nuovi titoli e verrebbero nuove idee … e chissà che non mi facciate cambiare idea.

The following two tabs change content below.
Sono nato a Modena 53 anni fa, e abito a Formigine. Amo la mia famiglia; i miei due splendidi figli Francesco ed Eleonora; mia moglie Luisa. Le immagini del blog sono principalmente sue. Ho deciso di aprire questo blog per raccontare le mie passioni: libri, film, musica... Lo faccio principalmente per me stesso. Perché mentre mi racconto, verbalmente o per iscritto non cambia molto, mi torno ad emozionare. Come la prima volta. Spero che, nei miei articoli, questo sentimento si percepisca, che arrivi all'eventuale lettore. Dimenticavo due cose. Entrambe rilevanti. La prima: nella vita, chi mi conosce lo sa, da 31 anni faccio "piastrelle". Ogni anno una nuova sfida. Ma vivo la mia professione con passione. L'unico modo a mio parere, per non "impazzire". La seconda: ho un'altra grande passione. Sono tifoso del Modena Football Club 1912... Sì lo so, è una bella "sfiga"! Ma sono nato a Modena, amo la Ghirlandina e il vero amore mica puoi sceglierlo... P.S. Ho messo il nome della mia squadra del cuore per intero, perché oramai, del Modena calcio rimane solo la storia.

Ultimi post di Roberto Alboresi (vedi tutti)

4 pensieri riguardo “Tu chiamale se vuoi emozioni…

  1. Ciao Roberto, è vero le canzoni sono spesso soggettive e non sempre rimaniamo affascinati dai classici, un brano può rimanere
    indelebile nelle nostre menti e cuori solo per il fatto che ha fatto da colonna sonora a un periodo particolare della nostra vita,così come al ricordo di un amore,di una persona,o come nel tuo caso per un insieme di parole magicamente collegate fra loro e noi.
    Le canzoni ,la musica sono ancora quelle poche cose che danno emozioni e come hai suggerito tu voglio darti le mie 10 che non necessariamente sono famose o conosciute ma sono semplicemente le mie 10 canzoni preferite:

    1) Claudio Baglioni “la vita è adesso”
    2) Riccardo Cocciante “era già tutto previsto’
    3) Jovanotti ” tempo” “la gente della notte”
    4) Pooh ” uomini soli”
    5) Eros Ramazzotti ” più bella cosa”
    6)Michele Pecora ” Era lei”
    7) Ivan Graziani ” maledette malelingue”
    8)Gigi D Alessio ” tu che ne sai” ” non dirgli mai”
    9)Vasco Rossi “colpa d’ alfredo” “come nelle favole”
    10) Loretta Goggi ” maledetta primavera”

    Sarebbe bello andare avanti nell’ elenco perché più ci penso e più vorrei introdurne altre ma la regola è 10.
    La prossima magari ci proponi anche quelle straniere..

    1. Hai ragione si potrebbe andare avanti per ore… di Baglioni ad esempio – se devo dire una canzone, una soltanto – metterei “Mille giorni di te e di me”. “Era lei” di Pecora? l’avevo dimenticata: bella! … mi ha fatto ritornar in mente un altro cantante degli anni ’70, Franco Simone: “Tu e così sia”, “Respiro”.

Lascia un commento