Gli Angeli, le bestie, gli esseri umani e il libero arbitrio

Lo dico subito: l’amore è un mistero. Non lo puoi codificare, confinare, razionalizzare. Quando t’innamori è una botta di adrenalina, la gioia nel cuore, le farfalle nello stomaco, l’universo nei suoi occhi. Fino a quando non ripiombi per terra. Le ossa rotte. Una cicatrice in più al cuore.

Le storie d’amore si esauriscono. Solo l’amore è inesauribile.

In questo articolo parlerò di amore di libertà e di speranza. La speranza di vivere in un mondo in cui si possa amare senza sentirsi giudicati né condannati; senza barriere o costrizioni: il colore della pelle, la casta sociale, il sesso d’appartenenza; senza distinzioni tra la famiglia tradizionale o la famiglia omosessuale. La Chiesa cattolica è sempre stata chiara: le relazioni omosessuali sono atti privi della loro regola essenziale e indispensabile: la procreazione. La chiesa è contraria al matrimonio tra le persone dello stesso sesso. Lo stesso Papa Francesco ha dichiarato che la famiglia come immagine di Dio è solo quella formata da un uomo e una donna.

“Oggi fa dolore dirlo: si parla di famiglie diversificate, di diversi tipi di famiglia. Sì, è vero che la parola famiglia è analoga” e ci sono “la famiglia delle stelle, la famiglia degli alberi, la famiglia degli animali…” ma “la famiglia, immagine di Dio, uomo e donna, è una sola. […] Una cosa che nella vita matrimoniale aiuta tanto è la pazienza, sapere aspettare. Ci sono nella vita situazioni di crisi forti, brutte, dove anche arrivano tempi di infedeltà”. Di qui, la lode di Francesco alla “pazienza dell’amore che aspetta. Tante donne, ma anche l’uomo talvolta lo fa, nel silenzio hanno aspettato, guardando da un’altra parte, aspettando che il marito tornasse alla fedeltà. La santità che perdona tutto perché ama”.

dall’articolo di Repubblica del 16 giugno 2018: Il Papa: “Famiglia immagine di Dio è solo uomo-donna. Aborto selettivo come nazismo. Infedeltà, mogli siate pazienti”.

Non è un caso dunque che i cattolici praticanti siano per la famiglia tradizionale. Ma sono in tanti che la pensano diversamente, che ritengono sacrosanto il matrimonio gay, e vorrebbero riconosciuti gli stessi diritti degli eterosessuali. Lo stato deve essere laico, e non deve farsi influenzare dalla religione, il pensiero generale.
Ma non è questo il punto.
Lo scorso weekend ho visto un film che racconta la storia d’amore di due donne, e mai come in questo caso mi sono accorto che il regista ha centrato il problema.
Disobedience: un film diretto da Sebastián Lelio, con Rachel McAdams e Rachel Weisz.
È la storia di Ronit che ha abbandonato il padre – capo rabbino della comunità ebraico ortodossa di Londra – per poter vivere liberamente la propria vita a New York; per non sottostare ai soliti compiti a cui le donne vengono designate. Ronit che ritornerà vent’anni dopo, per il funerale del padre, ritrovando i suoi due amici d’infanzia: il cugino Dovid – studioso della Torah e predestinato a sostituire proprio il padre di Ronit – ed Esti, il primo amore. Esti che ha accettato di sposare proprio Dovid, perché è la cosa giusta da fare. Per guarire. Perché l’omosessualità è peccato e tutta la comunità sapeva di quelle due lesbiche. Perché una donna, nell’ebraismo ortodosso, ha senso solo come moglie e madre.
Ma Esti non è guarita affatto. Perché dall’amore non si può guarire. Non funziona così. Né tantomeno l’amore può essere paragonato ad una malattia. Non quando non si fa niente di male. Non quando è ricambiato e ti fa stare così bene.
E basteranno pochi sguardi perché tutto ricominci.

«La signora Shapiro ha esposto formale denuncia contro te e Ronit».
«Cosa? Te l’ha detto lei?»
«Sì… dimmi la verità».
«Io… ho baciato Ronit».
«L’hai baciata?»
«Mi dispiace».
«ESTI, SAI COSA SIGNIFICA PER NOI?»
«Ci ho provato. Davvero…».
«CHE COSA VUOI».
«CI HO PROVATO».
«CHE COSA VUOI? VUOI SOFFRIRE DI NUOVO. RONIT TI HA CHIESTO DI PARTIRE CON LEI?»
«Dovid…».
«LEI TORNERÀ’ DALLE SUE AMICHETTE, DAI SUOI UOMINI. CHE COSA HAI CHE NON VA? COSA HAI CHE NON VA?
Insomma cosa c’è, su dimmelo. Puoi dirmelo?»
«Posso?»
«Sì».
«Posso?».
«Sì, siamo sempre stati sinceri l’uno con l’altra».
«Davvero?»
«Sì».
«Ho informato io Ronit della morte di suo padre. Volevo che tornasse».
«No».
«Sì, l’ho fatto».
«No, non è vero».
«Sì, l’ho fatto».
«Lei si sta approfittando di te. Non riesci a vederlo, sei cieca».
«No, nessuno si sta approfittando di me».
«SEI CIECA!».
«NO! GUARDAMI: IO VOLEVO CHE QUESTO ACCADESSE. E QUANDO ERAVAMO RAGAZZE ANCHE ALLORA ERA UGUALE. È SEMPRE STATO COSI’. IO L’HO SEMPRE… SEMPRE VOLUTO…».

Disobedience un bel film, diretto e recitato benissimo.
Ma non è per questo che sto scrivendo l’articolo.
Il film è tratto dal romanzo Disobedience, di Naomi Alderman (2006), e che non ho letto. Ci ho pensato. In altre circostanze lo avrei divorato. Sicuro. Ma in questo caso mi è bastato il film. Troppo forte l’urgenza che mi è preso di raccontare. Condividere.
Ho detto: mai come in questo caso il regista è andato al nocciolo del problema: Dogma o libero arbitrio?
Si dice che la fede è cieca, che Dio si ama con il cuore e non col cervello, che ci sono delle rivelazioni divine che non possono essere messe in discussione, che sono diventate patrimonio dottrinale: l’Immacolata Concezione, ad esempio.
Ma se così fosse, se tutti quanti sottostessimo ai comandamenti del Dio creatore allo stesso modo in cui un gregge di pecore sottostà alla volontà del pastore, per quale motivo Dio ci avrebbe dotati di libero arbitrio?
Unici fra tutte le creature dell’universo.
Ed è attraverso le parole di due rabbini ebrei ortodossi che il regista del film ci sorprende e contemporaneamente eleva Disobedience a capolavoro.

«In principio Hashèm fece tre tipi di creature: gli Angeli, le bestie, e gli esseri umani.
Gli Angeli vennero in essere dalla purezza del suo Verbo. Gli Angeli non sono inclini al male, non possono deviare per un momento, dal suo proposito.
Le bestie non hanno che il loro istinto a guidarle, anch’esse seguono i comandamenti del creatore.
La Tōrāh dice che Hashèm ha trascorso quasi sei interi giorni della creazione a forgiare queste creature, poi un istante prima del tramonto ha raccolto un pugno di terra e da essa ha plasmato l’uomo e la donna.
Un ripensamento? Oppure il suo coronamento?
Che cos’è dunque l’uomo? La donna?
È un essere che ha il potere di disobbedire. Unici fra tutte le creature siamo dotati di libero arbitrio. Ci troviamo in bilico fra la purezza degli Angeli e i desideri delle bestie. Hashèm ci ha concesso la scelta che sia privilegio o sia fardello noi dobbiamo scegliere la vita aggrovigliata che viviamo… ».

È l’inizio del film, e sono le ultime parole del Rav, il padre di Ronit e capo della comunità Ebraica. È la sua eredità spirituale. L’ultimo sermone, incompiuto, poiché a metà frase si accascia e muore.
E sarà proprio Dovid a completare le parole del maestro, a fine film, quando tutta la comunità è riunita per la sua incoronazione.
Dovid il discepolo prediletto del grande Rav.
Il figlio spirituale.
C’è molta attesa e curiosità.
Tutti sanno cosa sta vivendo Dovid.
Tutti sanno di Ronit e di Esti.
La formula vuole che deve essere presentato.
Lo chiamano due volte.
Si fa attendere.
Quando esce è serio.
Confuso.
Agitato.
Ha in mano le pagine del sermone, scritte con tanta abnegazione, durante la lunga settimana del lutto.

«Il Rav Krushka ha spesso accennato al dovere del docente… il dovere… ».
Dopo poche parole si blocca. Chiede scusa. Appoggia i fogli e ricomincia a parlare, a ruota libera.
«L’unica figlia del Rav Ronie Krushka è qui con noi oggi» la indica. «Il Rav nelle sue ultime parole… perché ha messo in discussione il concetto di scelta? E libertà? E niente è più tenero o autentico della reale sensazione di essere liberi.
LIBERI DI SCEGLIERE.
Il Rav era un gigante della Tōrāh. Ma non era un gigante che abbiamo visto crollare quel giorno. Era un uomo. Parlava degli Angeli e dei desideri delle bestie, e con le sue ultime parole ci ha ricordato questo: SIAMO LIBERI DI SCEGLIERE!».
Poi dopo una lunga pausa. Dopo aver alzato gli occhi sulla platea dove sono sedute le due donne: moglie e cugina, dopo aver incrociato i loro occhi, dopo aver sospirato conclude:
«Siete liberi.
SIETE LIBERI!».

E questa cosa è dinamite. Davvero. A dottrina, a messa, mica ce l’hanno mai detta. Ci insegnano la preghiera del Credo. E se fai come dicono loro sarai ricompensato. Salvato. Liberato. Tuttavia, tutti quanti abbiamo questo potere: Siamo liberi di scegliere.
Liberi di credere o dubitare, di perderci o ritrovarci, di prendere o lasciare, di essere buoni o cattivi, onesti o disonesti, felici o tristi, sereni o inquieti, sinceri o bugiardi.
Liberi di amare: uomo o donna che sia. Ed è proprio Dio che ha voluto così.
Se no perchè ci avrebbe concesso il libero arbitrio.
Non so… penso che questa cosa non tutti l’abbiano capita.
E penso che non tutti i preti o rabbini avrebbero il coraggio e la sincerità che ha avuto il Rav e Dovid.
E ritornando al dibattito iniziale: pari diritti tra le famiglie tradizionali e quelle gay, ritengo che sia giusto vivere e lasciare vivere.
Ritengo che amare non sia mai sbagliato.
E a tutti gli eterosessuali vorrei dire:
Non vi obbliga mica nessuno ad amare e a sposare un gay.
E a tutti i credenti, beghini o bigotti vorrei chiedere:
Vi sedete sul trono di Dio?
A Dio solo dovrebbe essere consesso il diritto di giudicare, di condannare.

Come colonna sonora ho scelto Compagni di viaggio, di Francesco De Gregori.

Cliccando QUI, potete sentirla.

Avevano parlato a lungo di passione e spiritualità.
E avevano toccato il fondo della loro provvisorietà.
Lei disse sta arrivando il giorno,
chiudi la finestra o il mattino ci scoprirà.
E lui sentì crollare il mondo,
sentì che il tempo gli remava contro,
schiacciò la testa sul cuscino,
per non sentire il rumore di fondo della città.
Una tempesta d’estate lascia sabbia e calore.
E pezzi di conversazione nell’aria e ancora voglia d’amore.

Lei chiese la parola d’ordine, il codice d’ingresso al suo dolore.
Lui disse “Non adesso, ne abbiamo già discusso troppo spesso,
aiutami piuttosto a far presto,
il mio volo lo sai partirà tra poco più di due ore.
Sentì suonare il telefono nella stanza gelata
e si svegliò di colpo e capì di averla solo sognata.
Si domandò con chi fosse e pensò “E’ acqua passata”.
E smise di cercare risposte, sentì che arrivava la tosse,
si alzò per aprire le imposte,
ma fuori la notte sembrava appena iniziata.
Due buoni compagni di viaggio non dovrebbero lasciarsi mai.
Potranno scegliere imbarchi diversi, saranno sempre due marinai.
Lei disse misteriosamente “Sarà sempre tardi per me quando ritornerai”.
E lui buttò un soldino nel mare, lei lo guardò galleggiare, si dissero “Ciao!”
per le scale e la luce dell’alba da fuori sembrò evaporare.

The following two tabs change content below.
Sono nato a Modena 53 anni fa, e abito a Formigine. Amo la mia famiglia; i miei due splendidi figli Francesco ed Eleonora; mia moglie Luisa. Le immagini del blog sono principalmente sue. Ho deciso di aprire questo blog per raccontare le mie passioni: libri, film, musica... Lo faccio principalmente per me stesso. Perché mentre mi racconto, verbalmente o per iscritto non cambia molto, mi torno ad emozionare. Come la prima volta. Spero che, nei miei articoli, questo sentimento si percepisca, che arrivi all'eventuale lettore. Dimenticavo due cose. Entrambe rilevanti. La prima: nella vita, chi mi conosce lo sa, da 31 anni faccio "piastrelle". Ogni anno una nuova sfida. Ma vivo la mia professione con passione. L'unico modo a mio parere, per non "impazzire". La seconda: ho un'altra grande passione. Sono tifoso del Modena Football Club 1912... Sì lo so, è una bella "sfiga"! Ma sono nato a Modena, amo la Ghirlandina e il vero amore mica puoi sceglierlo... P.S. Ho messo il nome della mia squadra del cuore per intero, perché oramai, del Modena calcio rimane solo la storia.

Ultimi post di Roberto Alboresi (vedi tutti)

Lascia un commento